domenica 26 agosto 2018

Quando c'era Marnie



Una delle mie passioni, dopo l’Irlanda, è il Giappone. Mi piace questo paese contraddittorio e affascinante, ricco di tradizioni millenarie e di innovazione, di cultura e di bizzarrie e fintanto che non riuscirò a visitarlo mi accontento di tante belle sushate e di anime e manga.

Oggi voglio parlarvi dell’ultimo film dello Studio Ghibli, il primo senza la firma del maestro Miyazaki: Quando c’era Marnie, tratto dal romanzo di Joan G. Robinson.

Trama:
Una ragazzina solitaria e senza genitori di nome Anna viene mandata a casa di un'attempata coppia in un paesino in riva al mare, per socializzare con altri bambini della sua età. Durante una delle sue lunghe passeggiate nella natura, Anna incontra una misteriosa ragazzina bionda di nome Marnie, sola come lei.
Le due diventano amiche inseparabili e passano intere giornate a giocare e chiacchierare, ma per qualche incomprensibile ragione a volte si perdono di vista all'improvviso, pur senza allontanarsi l'una dall'altra. Quando un conoscente di famiglia della bionda ragazzina arriva in visita, Marnie smette definitivamente di frequentare Anna.
E allora, ritenendo che la ragazzina si sia stancata di esserle amica, Anna decide di andare a verificare di persona presso la misteriosa casa nella palude, ma quello che scopre è decisamente diverso da quanto si aspettava...

“A questo mondo esiste un cerchio magico invisibile. Il cerchio ha un di dentro e un di fuori. Queste sono persone al di dentro e poi io sono una persona al di fuori. Però di una cosa simile non me ne importa.
Io mi detesto.”
(Anna)

“Tu sei il mio prezioso segreto. Non ne ho parlato a nessuno, e a nessuno ne parlerò d'ora in avanti, perché sai: se qualcuno lo sapesse verrebbe solo rovinato tutto. Senti, te ne prego, promettimelo: di noi due sarà un segreto, per l'eternità.”
(Marnie)

Recensione:
La differenza fra libro e film è evidente, tanto da rendere le due opere differenti l’una dall’altra.
Il libro è un romanzo di formazione ambientato a metà del 900 in Inghilterra, mentre l’anime è ambientato nell’odierno Giappone e inserisce alcuni personaggi (per esempio Sayaka che in realtà  un omaggio ai personaggi di due film di Miyazaki: Kiki consegne e domicilio e Totoro) che nel libro non sono presenti.
Resta però presente il tema introdotto dall’autrice del libro: la storia è tutta un sogno o c’è in essa un fondo di realtà?
Anna, la protagonista della storia, ha conosciuto realmente Marnie o Marnie era soltanto il frutto della sua fantasia?

Mi è piaciuto il discostarsi dal Miyazaki classico e dal Takahata a cui eravamo tutti abituati.
Hiromasa Yonebayashi presenta un’opera nuova, più introspettiva e profonda, con una protagonista differente dagli altri personaggi femminili dello Studio Ghibli.
Anna è infatti una ragazza introversa, scontrosa, chiusa e scostante tanto da risultare antipatica ma con il procedere della narrazione il regista mostra la sua vera vita.
Marnie è la sua ancora di salvezza, è lo sprone che riuscirà a farla uscire dal suo guscio e a trovare la sua strada.

E qui mi fermo, consigliandovi tanto di leggere il libro quanto di vedere il film!






6 commenti:

Mirtillo14 ha detto...

Ma è un film animato ?
Interessante, credo che preferirei il libro. Buona domenica.

Semplicemente Donna ha detto...

Giappone e Irlanda , due Nazioni che anch'io amo in particolare , la prima per la loro gentilezza , dolcezza e visione della vita pacata , le loro costruzioni sono spettacolari , le loro storie , ed anche le loro leggende , insomma sarebbe bello poterci andare , chissa' ci spero sempre :-)

La seconda iniziai ad appassionarmi ed informarmi su quanto di meraviglioso e magico fosse questa Nazione , quando andai in vacanza a Jesolo , mio figlio era piccolo avere 7 anni circa , e fece subito amicizia con la figlia di una coppia Irlandese , splendidi , simpatici , ottime persone , i bimbi erano sempre assieme , per farla breve ... ho passato i piu' bei 15 giorni di vacanza , quelli che ricorderò' sempre e con grande nostalgia .
Pensa che ieri per caso ho preso una scatola dove ho tutte le fotografie di mio figlio da piccolo e trovai quella del mare sua con la bimba che si chiama Manon . Ho sorriso ed ho ricordato con affetto .

Mi sono dilungata un pochino cara Elettra , ti auguro una buona Domenica , con un abbraccio !

Rosy

Elettra R. ha detto...

@Mirtillo14
E sia libro che film, tu scegli quello che preferisci :-)

Elettra R. ha detto...

@Semplicemente Donna
Grazie per questo bel commento, deve essere stato bello ricordare la tua vacanza magica in Irlanda e rivivere quelle emozioni :-)
Non ti sei affatto dilungata, qui non c'è un limite alla lunghezza dei commenti: uno può anche scrivere un papiro, se vuole!

Io l'Irlanda l'ho scoperta a diciassette anni, quando sono andata in gita con la scuola e ho visto un sacco di luoghi meravigliosi. mi piace perché, come la Scozia, ha conservato tutto il suo lato selvaggio e incontaminato.
Il Giappone ancora non sono riuscita a vederlo ma spero un giorno di poter visitare Kyoto e la parte più antica del paese che vive di contrasti forti (un po' come gli Stati Uniti).

Buon pomeriggio!



Little Pigo ha detto...

Ciao, ti invito a partecipare al mio GIVEAWAY, in palio una copia cartacea di "Anna dai capelli rossi" di Lucy Maud Montgomery!

Elettra R. ha detto...

@Little Pigo
Ti ringrazio per l'invito ma i giveaway non fanno per me :-)
Ciao!