domenica 30 settembre 2018

Psiche


Datemi l’arpa: un’armonia novella
Trema sul labbro mio…
Vivo! Dal mio dolor sorgo più bella:
Canto l’amore e Dio!

Psiche è il mio nome: in questo nome è chiusa
La storia del creato.
Dell’avvenir l’immago è in me confusa
Coi sogni del passato.

Psiche è il mio nome: ho l’ale e son fanciulla,
Madre ad un tempo e vergine son io.
Patria e gioie non ho, non ebbi culla,
Credo all’amore e a Dio!

Psiche, chi mi comprende? Il mio sembiante
Solo ai profani ascondo;
E nei misteri del mio spirto amante
Vive racchiuso un mondo.

Nei più splendidi cieli e più secreti
Sorvolo col desio:
Nata ad amar, sul labbro dei Profeti
Cantai l’amore e Dio.

Psiche è il mio nome: un volgo maledetto
Pei miracoli miei fu mosso a sdegno,
E menzognera e stolta anco m’han detto,
Mentre sui mondi io regno!

Eppur le voci d’una turba ignara
Fra i miei concenti oblìo:
Nello sprezzo dei tristi io m’ergo un’ara
E amor contemplo e Dio.

Psiche! Ogni nato colle ardenti cure
Di madre io circondai,
E il supplizio dei roghi e le torture,
Figlia del ciel, provai.

Nell’infanzia dei tempi, il gran mistero
D’ogni legge fu servo al genio mio:
Di Platone e di Socrate al pensiero
Svelai l’amore e Dio!

L’arte, le scienze, le scoperte, i lenti
Progressi dell’idea, chi all’uomo offria?
Io sui ciechi m’alzai, fra oppresse genti
Schiusi al pensier la via.


Psiche è il mio nome… il raggio della fede
Rischiara il nome mio:
E, Umanità, chi al nome mio non crede
Rinnega amore e Dio!

Ogni lingua, ogni affetto, ogni credenza
Col mio potere sublimar tentai:
Serbando illesa la divina essenza,
Forma, idioma ed essere mutai.

Or vittoriosa, or vinta, or mito, or nume,
Or sobbietto di scherno, or di desio,
Col variar di lingua e di costume,
Svelai l’amore e Dio!

Pria che fosse la terra, io le nascose
Fonti del ver mirai:
Vissi immortale fra le morte cose,
Me nel creato amai.

Eppur la terra non comprese ancora
Le mie leggi, il mio nome, il senso mio:
Conosce il mio poter… sol perché ignora
Che Psiche è amore e Dio!

Dio, Psiche, Amor! si vela in tal concetto
Il ver, la forza, l’armonia, la vita:
Son tre mistiche fiamme e un intelletto
Che un nuovo regno addita.

O Umanità! La scola del passato
Copri d’eterno oblìo,…
Quel Bene che finora hai vagheggiato
È Psiche, è Amor, è Dio!
 (di Mariannina Coffa- Noto 1841-1878)


19 commenti:

Gus O. ha detto...

A Luisa
In un momento d’estasi magnetica
Bella, che il guardo appunti
Oltre il confin della mortale idea,
Che in un solo desio mostri congiunti
Il cor che piange e il core che si bea,
Dell’occhio onniveggente
Raggio disceso nell’argilla muta,
Miracol novo d’armonia tu sei!
D’un’armonia dolente
Che parla a’ mesti e l’anima trasmuta
In un sogno di luce a’ sogni miei.

Anna Piediscalzi ha detto...

♡.♡

sinforosa c ha detto...

Che dire? Bellissime le parole e Psiche e Amore - del Canova o sbaglio?- stupendo. Serena domenica.
sinforosa

Melinda Santilli ha detto...

Non ho mai letto niente di questa poetessa e sono davvero stupita dalla bellezza dei suoi versi, dove Psiche è tutto: arte, amore, scoperta, mistero.
Grazie per la condivisione!

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Bei versi.
Saluti a presto.

Anke Agata Russo ha detto...

Bella, molto bella, l'ho riletta più volte per capirne bene il senso e mi è piaciuta molto.
Grazie, mi hai fatto scoprire una nuova poetessa, altro che le lezioni pallose di Cicera sempre ancorata sul suo pof ministeriale del ca...

Elettra R. ha detto...

@Gus O.
Ho scoperto questa poetessa per caso, le sue poesie sono talmente belle e profonde da lasciarmi a bocca aperta.
Ciao Gus :-)

Farfalla innamorata

Ch'ergi le penne oltre le vie del sole

Pel tuo foco medesmo inebrîata,

Sibilla arcana per le tue parole,

Se il mistico pensiero

Che di cielo ti veste opra è del Nume,

Anch'io piango… ti adoro... e grido anch’io:

- Ecco un baleno dell'eterno vero,

Ecco una fiamma dell'etereo lume,

Ecco la creta che sospira a un Dio! -



Se l'anima potesse

Varcar la meta che le diè natura,

E gir soletta a quelle plaghe istesse

Da cui ne venne immacolata e pura,

Per gli occhi onde riveli

Fiamma cotanta io la vedrei rapita

Peregrinante a le commosse sfere,

E direbbe al pietoso astro de' cieli:

Deh, riprendi i miei sogni e la mia vita,

Ma non torni alla terra il mio pensiere!-



No, non fuggir... consenti

Che teco io sugga l'armonie passate,

E l'ebrezza dell'alma e i voli ardenti

Che mi fero in un gaudio amante e vate.

Lascia ch’io beva il riso

Di tue movenze allor che ti favella

Lo spirito accenso per virtu del core:

Lascia ch'io m'erga al sospirato eliso,

Ch'io voli in grembo a la perduta stella,

E gridi al mondo: -L'anima non more! -

Elettra R. ha detto...

@Anna Piediscalzi
???

Elettra R. ha detto...

@sinforosa
L'immagine è Amore e Psiche del Canova, l'ho scelta perché secondo me è adatta a questi sublimi versi.
Ciao!

Elettra R. ha detto...

@Melinda Santilli
Io l'ho scoperta per caso, se cerchi in rete puoi trovare le sue poesie.
Ciao!

Elettra R. ha detto...

@Cavaliere oscuro del web
Davvero belli.
Buona giornata!

Elettra R. ha detto...

@Anke
Ma dai? La tua prof segue il programma ministeriale? Eppure c'è una nuova corrente di pensiero che sostiene che non esiste un programma ministeriale da seguire.
Ritornando alla poetessa, è stata una piacevole scoperta casuale, in rete trovi le sue poesie, leggile, sono meravigliose.
Ciao :-)

Semplicemente Donna ha detto...

E' stupenda questa scultura , allucinante quanto ho letto su di un sito che Amore&Psiche faceva parte di quelle opere da censurare . Questo l'ho trovato in rete , ma si sa che siamo invasi da fake news , lo voglio sperare di cuore che sia stata un'incredibile bufala .
Ti posto per la lettura quanto ho letto :

Facebook censura Amore e Psiche.
Nessuno si sognerebbe mai di definire la scultura plasmata dal genio di Antonio Canova come scostumata, provocante o addirittura volgare. Nessuno tranne il social network più famoso al mondo. Il cervellone chiamato a ripulire Facebook dai post giudicati sconvenienti ha infatti inserito tra le immagini hot da tagliare pure la foto dell’opera d’arte esposta al museo del Louvre. E implacabilmente l’algoritmo ha fatto scattare l’oscuramento. A farne le spese è stata Ideeuropee, agenzia di comunicazione di Treviso, che doveva caricare l’immagine in questione per conto di un cliente. L’operazione online sembrava andata a buon fine. Ma poi è calata la mannaia di Facebook.

"Perche' forte come la morte è l'amore ,
tenaci come gli inferi la passione ".

Apuleio , la favola di Amore e Psiche!

Buon inizio settimana cara un abbraccio !

Splendidi sempre i tuoi post .

Rosy

Elettra R. ha detto...

@Semplicemente Donna
Mi auguro anch'io che si tratti di una bufala, anche se nutro dei dubbi. L'algoritmo censore blocca Amore e Psiche del Canova ritenendola un'immagine inappropriata ma fa circolare liberamente e senza censure filmini di dubbio gusto al limite del pornografico.
Per fortuna non sono più su fb!
Ciao Rosy.

Semplicemente Donna ha detto...

Certo cara Elettra , gira di tutto in rete e molti siti non vengono oscurati .

Per fortuna anch'io non mi sono mai iscritta a Facebook , non mi e' mai
interessato questo genere di contatto .

Un abbraccione cara .

Rosy

Olivia Hessen ha detto...

Questa poesia sembra davvero scritta apposta per tutti coloro che amano l'estasi donata dall'amore, dall'arte, da tutto quello che non è schiavo della razionalità.
Grazie per averla condivisa!

Lucrezia Ruggeri ha detto...

Ma dove si nascondeva questa poetessa?
Accidenti, sono versi bellissimi e carichi di emozione!

Melly S. ha detto...

Ringrazio te e Gus O. perché mi avete regalato delle emozioni bellissime con queste poesie.
Io amo la poesia, anche se non sono capace di scriverne una, e penso che chi le scrive sia un grande artista.
Vi abbraccio!

Elettra R. ha detto...

@Lucrezia @Olivia @Melly
Grazie a voi per averla letta :-)