giovedì 1 novembre 2018

Il Secolo del Narciso

(Metamorfosi di Narciso - Salvador Dalí)


“Mai epoca fu come questa tanto favorevole ai narcisi e agli esibizionisti. Dove sono i santi? 
Dovremo accontentarci di morire in odore di pubblicità.”
(Ennio Flaiano)

C’era una volta Narciso, talmente tanto innamorato di se stesso che cadde nel fiume in cui si specchiava e finì con l’annegare prima di venire trasformato in un fiore che porta il suo nome.
Se Narciso esistesse oggi al posto del fiume avrebbe un cellulare di ultima generazione, un tab o un pc sempre a portata di mano e al posto di annegare realmente lo farebbe in modo virtuale ammazzandosi di selfie, post “sociali”, video autocelebrativi, sondaggi, domande del tipo “ma cosa ne pensate di me” o richieste come “su, fatemi le domande che sono bello/a e figo/a ed esisto solo io!”.

Riflettevo sul fatto che ogni secolo, più o meno, ha avuto una sua denominazione fornita dai posteri.
Il Settecento è stato il Secolo dei Lumi, l’Ottocento il Secolo delle Scienze, il Novecento il Secolo breve...
E questo primo secolo del nuovo millennio come verrà visto dai posteri?
Secondo me come il Secolo del Narciso, perché grazie ai social la maggior parte dei narcisi è uscita allo scoperto e vaga nel mondo virtuale senza più freni inibitori come un branco di bambini iperattivi lasciati liberi di sfasciare un palazzo con tante belle mazze da baseball a loro disposizione.

Chi sono i narcisisti?
Persone con dei problemi psicologici e sociali, senza dubbio, con un’infanzia segnata in qualche modo da un trauma correlato ai genitori spesso a loro volta narcisisti oppure incapaci di far vedere al figlio (o figlia, userò il genere maschile solo per parlare in generale) il mondo così com’è.
Incensando la piccola creaturina, essa crescerà con un ego smisurato e al tempo stesso infantile fino a sviluppare la mancanza di un autentico interesse per il mondo e le persone che li farà diventare anaffettivi (anche se poi sono in grado di simulare benissimo sentimenti che in realtà non provano), con un’incapacità totale di costruire relazioni interpersonali, una preoccupazione eccessiva per il proprio valore che li spinge a voler esser competitivi oltre ogni limite e un bisogno smodato di riconoscimenti da parte degli altri.

Il narcisista patologico non può risultare simpatico, in quanto non ha nessuna capacità di suscitare empatia, dare e ricevere calore umano.
Il narcisista ha una sorta di delirio di onnipotenza quotidiano, che lo gonfia a dismisura: non a caso in psicologia è una patologia che si abbina all’obesità.

Possiede la sensazione, certa nella sua testa ma non al resto del mondo che gira anche senza di lui, di essere importante.
Lo mostra con ogni gesto del corpo e con la voce o se si tratta di un narcisista virtuale, nel modo in cui scrive di sé (magari parlando in terza persona, continuando a dire la parola “io”) e si mette sempre sul piedistallo arrivando persino a inventare eventi della sua vita inesistenti.
Fateci caso: se voi avete fatto snowboard, anche il narcisista lo avrà fatto ma scendendo direttamente dalla vetta dell’Everest.
Avete letto un libro? Anche il narcisista, e ne saprà cento volte più di voi.
Visto un film? Il narcisista avrà visto il vostro stesso film, magari nello stesso cinema (e in lingua originale, magari dando anche consigli al regista su come sviluppare il film) dove però non vi siete mai incontrati ma lui c’era e lui sa.
Perché il narcisista sa sempre, per lui certe cose sono una garanzia.
Il narcisismo di questo nuovo millennio è figlio di un modo di concepire la vita sbagliato, di una follia fatta di like e follower che misurano la propria autostima, ed è un modo per ripiegare su sé stessi e spegnere l’energia vitale delle altre persone che diventano solo strumenti per aumentare l’ego del narcisista che tanto nel mondo reale quanto in quello digitale vuole accentrare tutta l’attenzione su di sé.
Tende a denigrare, deridere e insultare in modo subdolo e crudele appoggiato da un gruppo di amici narcisisti come lui: sono squali che vanno a caccia di nuove vittime.
Ma che succede quando il narcisista si rende conto (a volte succede) che non tutti sono disposti a seguirlo ciecamente, non tutti sono della sua stessa opinione e non tutti sono consci della sua esistenza?
Allora diventa un individuo aggressivo e pericoloso, l’ego vanesio lascia spazio all’ego colmo di odio e di invidia.

Siccome i narcisisti non sono in grado di provare sentimenti reali, quando decidono di agire contro qualcuno sono inumani nei loro comportamenti e strategie.
Non sentono rimorso per le azioni commesse e se messi di fronte all'evidenza negheranno sempre e comunque arrivando persino a stravolgere quello che è stato detto da loro e rigirandolo contro la vittima perché tra le loro innate abilità c’è una capacità dialettica incredibile che gli permette di venire fuori da situazioni in cui loro sono palesemente colpevoli trasformando le loro azioni in veri e propri capi di accusa per i loro bersagli.
Il narcisista mente sempre e se smascherato si arrabbierà moltissimo con chi lo ha fatto, accusandolo e calunniandolo in ogni possibile modo.
Se poi il narcisista si trova dietro una tastiera, tira fuori più facilmente il peggio di sé ed è anche così furbo da avere degli adepti che agiscono per lui raddoppiando quindi il risultato delle sue azioni infami.

Come ci si salva da un narcisista patologico?
In due modi.
Il primo è denunciarlo, ovunque. Dire senza paura chi è realmente, mostrare come si comporta e cosa ha fatto nel tentativo (si spera vano) di rovinarvi la vita.
Il secondo è fare al narcisista ciò che più teme e odia al mondo: ignorarlo completamente, dentro e fuori dal web.
Cosa c’è infatti di peggio, per un narcisista, di sentirsi trasparente agli occhi di qualcuno?
Niente.

“Il narcisista sadico si percepisce come simile a Dio, spietato e privo di scrupoli, capriccioso e insondabile, senza emozioni e asessuale, onnisciente, onnipotente e onnipresente, una piaga, una devastazione, un calamità inevitabile.”
(Sam Vaknin)

16 commenti:

F.A.V. ha detto...

Hai rinnovato il look del blog, che carino!
Il tuo post mi è piaciuto molto, è una lucida analisi di una piaga che ormai è diventata cintrollabile.
Persone pericolose, al limite della psicopatia, vuote, inutilmente incapace di esistere che ci ammorbano l'esistenza e rendono tutto ciò che di bello esiste marcio.
La cura migliore, come hai suggerito, è ignorarli totalmente.

Gus O. ha detto...

Ennio Flaiano è di Pescara. Ha collaborato con il grande Fellini.

Elettra R. ha detto...

@Gus O.
Questo non lo sapevo :-)
Ti abbraccio!

Elettra R. ha detto...

@F.A.V.
Essere ignorati per i narcisi significa venire condannati a "morte" certa. La non visibilità e quello che si meritano in fondo.
Buona giornata!

sinforosa c ha detto...

Purtroppo oggigiorno spopolano ovunque. Buona festa di Ognissanti.
sinforosa

Anke Agata Russo ha detto...

Non vorrei dire l'ovvio ma con i social, i cellulari e la tv di narcisi è sul serio pieno il mondo.
Sono così ridicoli che secondo me non si rendono nemmeno conto di esserlo.
Il guaio però è che sono anche pericolosi, dei vampiri emotivi.
Meglio tenersi alla larga da loro.

Luigi ha detto...

hai descritto molto bene quella che ritengo una vera e propria patologia invalidante, da psicanalisi avanzata!!!
Buon week-end

Sugar Free ha detto...

Mi domando perché abbiano chiusi le case di cura per i malati di mente perché questi narcisisti sarebbero tutti da ricoverare, a cominciare da certa gente che ho avuto il dispiacere di leggere nella blogsfera.
Bello il banner nuovo!

fulvio ha detto...

Una dotta lezione sul narcisismo patologico anche su un poco lo siamo tutti,magari in forma minore ,quasi accettabile e forse non voluta.
Grande Salvador Dali'
Ciao.fulvio

Melly ha detto...

Ciao!
Che bella la vignetta che hai messo nella colonna del blog, è simpatica e si rifà anche un po' al post.
Nel senso che le persone normali sanno di essere imperfette e sono consapevoli del fatto che non possono piacere sempre a tutti o essere costantemente al centro dell'attenzione.
I narcisi no, sono come tanti bambini viziati e violenti in giro per il mondo.
Baci.

Elettra R. ha detto...

@sinforosa
Vorrei dirti che non è così ma non sarebbe vero.
Ciao!

Elettra R. ha detto...

@Anke Agata
Sei davvero convinta che non se ne rendano conto? Io dubito.
Ciao.

Elettra R. ha detto...

@Luigi
Grazie per il commento, il narcisismo è davvero una patologia!

Elettra R. ha detto...

@Sugar Free
Le case di cura per malati mentali non sono chiuse, hanno solo cambiato nome.
Grazie per i complimenti, sono contenta che ti sia piaciuto il banner.

Elettra R. ha detto...

@fulvio
L'amor proprio non è il narcisismo.
Tu parli di amor proprio, il narcisismo patologico è diverso e ricade proprio nei disturbi mentali.
Grazie per essere passato.

Elettra R. ha detto...

@Melly
Verissimo, e i narcisi sono anche tanti.
Sono contenta che la vignetta ti sia piaciuta.